INFORMAZIONI UTILI

Tutti noi saremo a Vostra disposizione per proporvi informazioni dettagliate ed idee su ciò che il Lago di Garda può offrire.


Ecco alcune idee:

Gardone Riviera, la Città Giardino


Eventi a Gardone


Nelle vicinanze


Passeggiate in bicicletta


Rent a Bike – KM sport Gardone


• Shopping


Opera


• The Cellars


Golf


• Gite in barca, sport, parchi divertimento


• Transfer privati

Gardone Riviera

Vittoriale degli Italiani


Il Vittoriale degli Italiani è un complesso di edifici, vie, piazze, un
teatro all’aperto, giardini e corsi d’acqua eretto tra il 1921 e il 1938
dal poeta Gabriele d’Annunzio.
D’estate, nell’affascinante teatro all’aperto, vi si svolge la stagione
teatrale-musicale. È possibile visitare la casa del poeta tutti i giorni
previa prenotazione.
La Fondazione il Vittoriale degli Italiani osserva i seguenti orari di apertura al pubblico:


IL PARCO: dalle 9.30 alle 19.00 (chiusura parco ore 20.00)

LA PRIORIA: dalle 9.30 alle 19.00 (Visite guidate su prenotazione ogni 10-15 minuti)


Il Giardino Botanico Fondazione Heller

Un “campionario di regioni del mondo”, così definisce Andrè Heller il suo Giardino.

Nel corso degli anni, aiutato da un clima che Heller definisce “aria della fortuna” è riuscito a trasformarlo in un giardino paradisiaco in cui sono ospitate piante provenienti da tutto il mondo, Andrè Heller ha aperto le porte del suo Giardino: la ricetta della fortuna non in veste di luogo segreto e riservato a pochi, ma un invito a tutti quelli che ne vogliono godere, e che sono pronti a trattare con cura e attenzione il regno della sensibilità.


Aperto al pubblico tutti i giorni dalle 9 alle 19.
Raggiungibile a piedi in 5 minuti dall’hotel oppure con il Trenino.

Eventi a Gardone

Nelle vicinanze

Isola del Garda

Lo spazio e il tempo, le due dimensioni che plasmano ogni esperienza della nostra vita, assumono un significato straordinario quando approdano all’Isola Borghese Cavazza.
Gli scorci prospettici creati dai giardini pensili che si snodano attorno alla villa, insieme all’elegante alternanza di alberi e costruzioni che si riflettono nelle limpidissime acque del lago, modellano in modo sorprendente la percezione dello spazio, tanto che il visitatore si sente di entrare a far parte di un mondo a sé stante, diverso da quello della terraferma che, seppur vicina, appare enormemente remota.
La storia delle gesta di coloro che hanno amato e curato questo luogo, rendendolo eccezionalmente affascinante, è penetrata nel profondo del cuore di questa terra, sublimandosi in un’aria densa di magia, che aleggia in ogni angolo e sussurra tra le fronde degli alberi cullati dal vento, permettendoci di percepire il tempo come un velo evanescente, che ci separa dai nostri predecessori meno di quanto le convenzioni ci abbiano abituato.
Sin da quando ero una di quei sette bambini che, liberi come elfi, intraprendevano le loro piccole avventure fantastiche nei boschi dell’isola, mi sono sempre resa conto che qui posso stare piacevolmente con me stessa senza perdere la voglia di giocare a nascondino con il tempo e con lo spazio, scoprendo volti nuovi della dimora che mi ha da sempre ospitato.

Questo luogo fa parte di me, mi ha imposto un percorso di vita diverso e rappresenta molto di ciò che sono io ora; posso dire di conoscerlo quanto la mia stessa anima eppure, come per un incantesimo, ha conservato il potere di sbalordirmi ogni giorno: amo il suo profumo che mi inebria ogni mattino quando apro la finestra, amo i suoi abitanti, soprattutto i magnifici cipressi che sembrano volermi salutare quando il vento scuote le loro cime, amo la luna che di notte si riflette nello specchio immobile del lago e amo la nebbia che talvolta nasconde alla vista le rive lontane dandomi l’illusione di trovarmi al centro di  un oceano smisurato.

Spesso provo a svegliarmi da questo sogno e, con gioia, scopro che è la realtà.

Estratto dal libro “Un Sogno in Mezzo al Lago” di Alberta Cavazza. Acquistabile sull’Isola. 

Tour del lago in battello

Il modo migliore per apprezzare il paesaggio è proprio
dall’acqua. Il lago dal lago è davvero meraviglioso! Pareti a
strapiombo, porticcioli pittoreschi, le antiche limonaie, l’Isola del
Garda l’Isola del Garda con il suo palazzo e tanto altro ancora da
vedere senza fretta, comodamente seduti a bordo di un battello.
L’attracco è a soli 50 metri dall’hotel ed è possibile visitare quasi
tutti i paesi sul lago partendo da Gardone Riviera. Inoltre è possibile
visitare più paesi con un biglietto cumulativo valido una giornata
chiedere del “tour del basso lago” oppure il “tour dell’alto lago”.
Tariffe ed orari aggiornati sono disponibili in reception o su
www.navlaghi.it
. Inoltre la convezione del nostro albergo “promotion
card” da diritto ai nostri ospiti ad uno sconto del 20% su tutte le
tariffe.

La città di Salò e il suo lungolago

Salò è una delle perle della riva bresciana del Lago di Garda. Il passato ha lasciato tracce nell’elegante centro storico, compreso tra piazza Carmine, la Fossa e il lungolago.

Il cuore di Salò è un intreccio di strade, vicoli e piazzette con residenze signorili, palazzi di grande valore storico e artistico, eleganti negozi e ristoranti. Il lungolago di Salò si sviluppa lungo tutto il golfo e ti offrirà piacevoli passeggiate in una bellissima zona pedonale fra lago, invitanti vetrine, caffè, gelaterie e locali caratteristici.

Da non perdere, durante il tuo weekend a Salò, un po’ di shopping al famoso mercato che si tiene tra le stradine del paese il sabato mattina. Il Palazzo della Magnifica Patria ed il Palazzo del Podestà, nella zona dell’imbarcadero, sono testimonianze della storia della città e oggi sede degli uffici comunali. Sotto il portico di collegamento i due palazzi, potrai ammirare gli affreschi di Angelo Landi e gli antichi stemmi.

Sul lungolago spicca anche il Duomo arricchito nel corso dei secoli da importanti opere d’arte e la sua piazzetta che nel mese di luglio si anima con i concerti di musica classica dell’Estate musicale.

Alla scoperta di MuSa

Il MuSa, inaugurato nel giugno 2015, attraverso le raccolte, l’allestimento e ancor più attraverso le iniziative che ne fanno un luogo vivo della cultura, vuole essere un luogo in cui raccogliere, interpretare, comunicare alla comunità e a quanti visitano Salò e il Garda, l’identità della città, i suoi tesori, il suo contributo alla storia nazionale.

Passeggiate in bicicletta

Una vacanza in bici sul lago di Garda è sicuramente un modo divertente di conoscere questo territorio, andando alla scoperta di luoghi immersi nel verde in cui difficilmente si potrebbe arrivare con altri mezzi, regalando a tutta la famiglia un tour all’aria aperta nella natura gardesana.
Negli ultimi tempi il ciclismo gode di grande fortuna in quanto a numero di appassionati, il lago di Garda è sicuramente una meta più che adatta per svolgere questo tipo di attività sia per la varietà degli itinerari che per l’incanto dei paesaggi.
Perché è proprio questo che rende il territorio del Garda favoloso, il fatto che i percorsi possano soddisfare le esigenze di qualsiasi biker, da chi si allena e cerca salite che lo mettano alla prova a chi semplicemente ha voglia di fare un giro con la famiglia e i bambini.
E se non si vuol portare la propria bici fino al luogo di soggiorno, sono numerosi i noleggi bici al lago di Garda, dove poter trovare bici ed accessori adatti a tutte le età. Inoltre, numerosi sono i punti ristoro sorti lungo le piste ciclabili, che offrono dal semplice spuntino a veri e propri pranzi, nonché aree adibite a picnic.

Pista ciclabile Lazise – Garda


La sponda veronese del lago di Garda, il più grande d’Italia, è il luogo ideale anche per romantici e rilassanti tour in bicicletta. L’itinerario è di circa 13 chilometri da Lazise a Punta San Vigilio, con un percorso completamente pianeggiante, adatto a tutti, compresi famiglie con bambini.
Si parte dalla città fortificata di Lazise con il suo affascinante castello, le torri e le mura scaligere che racchiudono il centro storico. La Dogana, edificio costruito dalla Serenissima per controllare i traffici commerciali sul lago, oggi ospita iniziative culturali ed enogastronomiche.
Proseguendo il giro in bici arriverete a Bardolino, cittadina al centro della “Riviera degli Olivi” e località ideale per assaporare il vino “Bardolino”, un rosso rubino o chiaretto che nasce sulle colline dell’entroterra. Il nucleo abitativo è particolarmente affascinante, le case sono disposte a lisca di pesce e le vie sono perpendicolari al litorale.
Sono proprio queste antiche abitazioni, gli spazi lastricati davanti agli usci, i vicoli pieni di fiori, i negozi di souvenir, le gelaterie ed i locali che rendono Bardolino eccezionale.
Il percorso della pista ciclopedonale arriva a Garda, situata in uno splendido golfo e connotata da case antiche, volti, vicoli, piazzette e meravigliose ville.
Vi si aprirà un impressionante panorama dominato dalla leggendaria Rocca.
Pochi chilometri vi separano da Punta San Vigilio, una penisola dalla riservata bellezza dove ammirare un’antica chiesetta, la statua di San Giovanni Nepomuceno, protettore dei naviganti, e la sognante Baia delle Sirene.

Pista ciclabile del basso Garda


Percorso di circa 68 Km su asfalto da percorrere in circa 4 ore e mezza che costeggia il basso lago, un itinerario che passa attraverso splendidi scorci, paesini e monumenti storici.
Un’altra attrazione di questa escursione è l’attraversata del lago con il traghetto.
Il percorso è facile con una pendenza media dello 0.3% ed un dislivello assoluto di 178m ma non è adatto ai bambini per la presenza di auto.
La partenza è in località Maguzzano alla fine della pista ciclabile che arriva da Brescia.
Si prosegue per Desenzano del Garda, Rivoltella fino ad arrivare a Sirmione per vedere il castello e le Grotte di Catullo, dimora del poeta romano.
Seguendo la ciclabile si giunge a Santa Maria di Lugana, consigliata una sosta breve nel centro storico di Peschiera del Garda.
Da Peschiera si segue la strada gardesana fino a Lazise, dove è obbligatoria la visita alla Dogana Veneta e al borgo medievale. Proseguendo sempre sulla gardesana si passa per CisanoBardolino e Garda dove si può godere della splendida vista su Punta San Vigilio e si può fare un bagno alla Baia delle Sirene.
Si procede verso Torri del Benaco da dove ci si imbarca per la traversata del lago in traghetto fino a Toscolano Maderno, nella sponda bresciana del lago di Garda.
Da Toscolano si ritorna verso sud passando per Gardone Riviera (dove si trova il Vittoriale) poi Salò, Cunettone e infine ci si immette nella sp 25 fino alla località Barcuzzi dove termina il giro in bici del Basso lago di Garda.

Pista ciclabile del Mincio, Peschiera del Garda – Mantova


La famosa ciclabile Peschiera del Garda – Mantova completata nel 2006 e interamente asfaltata, ripercorre uno dei lati del famoso “quadrilatero fortificato” che gli austriaci realizzarono nella prima metà del 1800. La pista inizia sul lato destro del fiume Mincio a Peschiera del Garda, passando poi nel lato sinistro subito prima del paese di Monzambano, presso la diga di Salionze.
Poco dopo si arriva a scorgere il castello scaligero di Valeggio sul Mincio e si raggiunge uno dei borghi più belli d’Italia: Borghetto sul Mincio, caratterizzato da magnifici mulini e dalle rovine del ponte visconteo. Da qui si prosegue, costeggiando sempre il fiume, fino a Pozzolo, dove possiamo trovare una variante verso Volta Mantovana. Dopo circa 40 km addentrandosi nella pianura si giunge a Mantova.

Pista ciclabile delle Colline Moreniche


Le Colline Moreniche del Basso Garda oscillano dai 100 ai 250 mt di altezza e si trovano fra la Pianura Padana a sud e il lago di Garda a nord.
Un ambiente formato da cerchie collinari con interposte piccole aree pianeggianti, caratterizzato da zone boscose, dolci colline alternate a pianori, laghetti e risorgive, vigneti e uliveti. La zona delle colline moreniche inoltre offre moltissime testimonianze storiche lasciate prima dagli Etruschi e dai Romani e successivamente dai Gonzaga in epoca rinascimentale.
Il percorso lungo 46 km è di media difficoltà con alcune corte salite su fondo prettamente asfaltato. La partenza è Peschiera del Garda, uscendo dal centro storico si percorre un facile tratto lungo la costa del lago, fino a raggiungere Lido Ronchi in prossimità di Gardaland. Attraversata la strada statale ci si trova già in un contesto di campagna in mezzo ai vigneti, in una zona di confine tra le aree di produzione del vino Bardolino Doc e Custoza Doc.
In pochi chilometri si raggiungere il pittoresco paesino di Palazzolo, in cui si segnala la Pieve di Santa Giustina. L’itinerario in bici scende sino a Sona, altro paesino di origini antichissime posto tra il lago di Garda e Verona. Il territorio alterna da qui grandi vigneti, con piantagioni di kiwi e pesche, fino ad arrivare a Sommacampagna.
Si continua attraversando le colline Moreniche fino a portarsi sul fiume Mincio fino alla diga di Salionze, dove attraversando il fiume, ci si porta sulla sponda destra e risalendolo lungo la bella pista ciclabile si torna a Peschiera del Garda. Bellissimo lo scorcio di parte delle mura difensive di Peschiera, che danno il benvenuto fino al centro storico.

Tour su strada e MTB

Rent a Bike

KM sport Gardone